English (United Kingdom) Slovenski (Slovenija) Français (France) it-IT Deutsch (Deutschland) Català (Català) Norsk, Nynorsk (Noreg) Suomi (Suomi) Nederlands (België) Português (Portugal) Latviešu (Latvija)
Seleziona tipo di ricerca
 
  • Sito
  • Web
Search
Pubblico ipovedente

La rete Art Nouveau Network affronterà la questione dell’accessibilità del patrimonio Art Nouveau al pubblico dei disabili visivi attraverso una serie di laboratori innovativi per i nostri partner. L'obiettivo centrale dell’azione consiste nello sfidare il preconcetto che un patrimonio come l’Art Nouveau possa essere vissuto e goduto solo visivamente. Il processo richiede lo sviluppo di modi alternativi per comunicare le emozioni trasmesse da un pezzo di arte, design o architettura, cosi che possano essere tradotte per i disabili visivi. Si vuole esplorare l’ Art Nouveau in tre diverse dimensioni: percettiva, concettuale ed espressiva e incoraggiare diversi livelli di esperienza: individuale; bilaterale (comunicazione  tra la guida e visitatore) e di gruppo (scambi di impressioni e di idee). Il ricco uso di materiali e di forme rende il Liberty un soggetto ideale per esperienze sensoriali varie e significative.

Report del primo Innovation Lab, svolto a Bruxelles-Brussel nel mese di ottobre 2005.

Foto della giornata, azione svolta con pubblico non- vedente, Riga, 24 ottobre 2006 with representatives from Com access, Barcelona:

  

With the support of the Culture Programme of the European Union

Responsible publisher: Bety Waknine, General Director,
Bruxelles Urbanisme & Patrimoine,
CCN - Rue du Progrès 80, B. 1, 1035 Brussels - Belgium